Area Marina Protetta

Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo

L’Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo è stata istituita nel 1997 con decreto del Ministero dell’Ambiente, comprende i territori costieri dei comi di San Teodoro, Olbia e Loiri Porto San Paolo, la cui gestione è affidata ad un consorzio formato dai rispettivi comuni.

Le sue caratteristiche naturalistiche e il suo incantevole paesaggio,  la rendono uno dei siti più interessanti del Mediterraneo. L’area si estende dalla punta di Capo Ceraso presso Olbia a nord fino a oltre la punta di Isuledda a sud, comprendendo le isole di Tavolara, Molara e Molarotto.

L’istituzione dell’Area Marina Protetta ha come scopo principale la tutela della biodiversità e dell’equilibrio del patrimonio ambientale marino favorendo contemporaneamente politiche di fruizione turistica, culturale, didattica e ricreativa con politiche di difesa della natura e del paesaggio.
L’ente consortile di gestione del parco ha sapientemente dislocato sul territorio costiero dell’Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo diversi punti informativi per sensibilizzare e informare i visitatori sulle regole esistenti e sul valore ambientale dell’area.

Hanno sede a San Teodoro, presso l’I.CI.MAR (Istituto Civiltà del Mare), e a Porto San Paolo, presso la Pro Loco e il CRiMM (Centro Ricerca Mammiferi Marini). Gli info-point informano l’utenza sulle attività istituzionali e promuovono le iniziative estive dell’Ente Gestore, con attenzione particolare per le attività educative e di comunicazione dirette ai turisti. Nell’intento di favorire la scoperta del territorio, l’Ente Gestore promuove anche diverse attività di turismo naturalistico, che spaziano dall’immersione subacquea alle escursioni di dolphing watching.