Case Vacanza inesistentiNegli ultimi anni la richiesta di Case Vacanze è in continuo aumento, vuoi per le minori risorse economiche destinate alle vacanze vuoi per i numerosi vantaggi che si hanno scegliendo questo tipo di vacanza “fai da te”. La ricerca di una Casa Vacanza, grazie all’avvento di internet, è molto semplice e veloce: numerosi sono i portali che offrono questo tipo di sistemazioni e numerosi sono gli annunci che si posso trovare sul web. Di contro, questi annunci possono celare spiacevoli inconvenienti: le migliaia di denunce presentate all’autorità ci fanno riflettere sulla necessità di suggerire degli accorgimenti per evitare di rimanere vittime spiacevoli truffe e di  arrivare presso l’indirizzo dell’appartamento per scoprire che in realtà non esiste. Per capire quant’è diffusa questa truffa, è sufficiente inserire Case Vacanza inesistenti nel quadro di ricerca di un qualsiasi motore di ricerca: i risultati sono davvero impressionanti. Come potete immaginare questa categoria di truffatori è quella che disturba di più la nostra attività: propone appartamenti a prezzi concorrenziali e nonostante tutto fornisce alcune garanzie che poi si sono rivelate false. Il consiglio che diamo noi è quello di rivolgersi sempre ad agenzie di affitti iscritte in comune  territorialmente competente come CAV (Case e appartamenti per Vacanze). Quest’ultime offrono la certezza di offrire i servizi promessi e danno anche diverse garanzie, ad esempio l’assicurazione per infortuni nella Casa Vacanza, assistenza in loco garantita, politica di rimborso in caso di annullamento della prenotazione. Logicamente questi non sono servizi gratuiti, si pagano per avere la certezza di non rovinarsi le fatidiche vacanze dopo un anno di lavoro. Nella ricerca della vostra Casa Vacanza, logicamente troverete numerosi annunci di proprietari che affittano il proprio immobile, sicuramente concorrenziali dal punto di vista del prezzo (non dai servizi offerti), ma è proprio in questo segmento che si nascondono le Case Vacanze inesistenti. In primis evitate di prenotare su siti di annunci che non danno alcuna garanzia sulle prenotazioni, state alla larga da siti come Kijiji, Ebay, subito.it…

Siti come Airbnb, Tripadvisor Rentals, Booking.com, Wimdu… sono strutturati in modo che la persona che mette un annuncio non possa incassare iPortali prenotazione case vacanza soldi prima del check-in. Questo sistema fa si che la truffa per Case Vacanza inesistenti non può palesarsi. Anche in questo caso consigliamo sempre di non prenotare fuori dal sito: diversi host propongono una transazione esterna promettendo uno sconto sulla locazione. È vero, questi siti accreditano un 10% in più sul prezzo pattuito dal locatore ma la sicurezza vale sicuramente il costo aggiunto. Alcuni portali prevedono il pagamento anticipato proponendosi come garante trattenendo i soldi fino al check-in. Se l’appartamento non dovesse essere disponibile, il portale blocca il pagamento verso l’host e voi non perdete i vostri soldi. Un buon sistema di pagamento che mette al riparo da Case Vacanze inesistenti è Paypal: ha il vantaggio di fornire un sistema di protezione acquisti.

Suggerimenti per evitare Case Vacanza inesistenti

  • Diffidate se trovate delle offerte particolarmente “vantaggiose“: prezzi bassi fuori dal mercato sono sintomo di truffa. Nessuno regala niente;
  • Evitate, qualora richiesto, di pagare l’anticipo mediante i servizi di trasferimento di denaro su canali internazionali, tipo Money Transfer oppure ricariche su poste pay. Il pagamento va effettuato attraverso bonifici bancari oppure come già detto con Paypal;
  • Ricordate che l’invio di copia dei documenti non garantisce nulla: questi documenti spesso sono falsi, rubati;
  • Se possibile chiedete sempre un sopralluogo e valutate la risposta dell’inserzionista;
  • Non procedete con il saldo ma chiedete la possibilità di inviare un acconto per poi saldare in loco;
  • Richiedete all’inserzionista tutti i dati per essere sicuri della reale identità: nome, cognome, telefono fisso e mobile. Provate a verificare tutti i dati inserendoli in un motore di ricerca;
  • Controllate le fotografie dell’immobile con un motore di ricerca: aprite Google, cliccate su immagini e inserite la fotografia cliccando il simbolo della macchina fotografica, il motore di ricerca vi mostrerà le immagini simili o uguali a quella caricata da voi;
  • La ricezione di un contratto non è indice di garanzia  perché può essere redatto ad hoc, con dati di falsi: controllate tutti i dati sempre con un motore di ricerca;
  • Selezionate le prime 2 righe della descrizione dell’immobile  ed incollatelo su un motore di ricerca.

Related Post