Dolina di Tiscali

Trekking verso la Dolina di Tiscali e il suo villaggio nuragico

 

Dolina di TiscaliLa Dolina di Tiscali è un antico villaggio costruito all’interno di una dolina di origine carsica durante durante l’età del bronzo sulla cima del monte Tiscali, tra il Supramonte di Dorgali e il Supramonte di Oliena. Molto probabilmente gli abitanti costruirono il loro villaggio perché lo ritenettero un posto sicuro e protetto in caso di attacco: la sua altitudine e le difficoltà di accesso resero difficili i tentativi di conquista.

Il villaggio è stato riutilizzato e ricostruito in epoca romana, divenendo un luogo di integrazione tra la sarda e cultura romana. Spesso viene nominato nuragico, anche se la tipologia costruttiva è ben distante dalla tecnica megalitica dei nuragici. Infatti dalle opere rimaste si evince che sia stato realizzato in epoca romana: le opere murarie sono realizzate con pietrame minuscolo con l’aggiunta di argilla. Ma questo non esclude il probabile utilizzo della dolina fin dal paleolitico ed in epoca nuragica.

L’ingresso alla dolina di Tiscali è difficile da individuare e per questo il luogo ha conservato intatto il fascino imperscrutabile e il silenzio di un ambiente misterioso.

All’interno sono contenute una cinquantina di capanne, purtroppo ormai quasi tutte distrutte, di varie forme, circolari rettangolari che sodolina di tiscalino state edificate sui lati della dolina a contatto con le pareti, mentre al centro si trova un antico bosco di lentischi e lecci. Frequentate per molto tempo sono divise in due gruppi principali e ritrovamenti fanno pensare siano state abitate sino all’epoca medievale.

L’interesse per la dolina di Tiscali non deriva solo dall’antico villaggio, ma anche dall’ambiente naturale che lo circonda. All’interno della dolina resiste un microclima che ha consentito la crescita di un ambiente vegetale unico, con giganteschi alberi di lentisco e di terebinto, normalmente classificati come specie arbustive della macchia mediterranea.

Il trekking per la dolina di Tiscali non è purtroppo ben segnalato, specialmente la prima parte nella valle di Lanaitho: risulta addirittura difficoltoso anche l’accesso ai due sentieri che portano al villaggio, per la totale mancanza di cartelli e delle classiche segnalazioni rosse di montagna.

Sconsigliamo quindi l’escursione in maniera autonoma, ma rivolgersi sempre alle guide esperte del posto.

Arcos Vacanze, in collaborazione con Sardinia Island Tours, organizza escursioni giornaliere con partenza da San Teodoro.

Alle 7:30 si parte da San Teodoro in direzione Oliena. Arrivati nel comune barbaricino, si scambierà l’auto con un veicolo fuoristrada, adatto per raggiungere in 15/20 minuti la valle di Lanaitho e il rispettivo sentiero per Tiscali.

La scalata del monte Tiscali dura 1 ora e mezza: la guida si fermerà più volte di spiegare tutto quello che c’è da sapere sulla vegetazione, la formazione rocciosa e la cultura dei pastori che un tempo vivevano su quelle montagne.

Una volta raggiunto l’ingresso del villaggio sulla cima della montagna, la storia del sito archeologico sarà spiegato dalla guida locale del comune di Dorgali. Avrete anche il tempo di esplorare il sito in modo autonomo. Dopodiché si ritornerà nella valle di Lanaitho verso l’altro lato della montagna. Una volta arrivati ad Oliena, sarete accompagnati in una località caratteristica del posto per il pranzo con i pastori.
Il menu (disponibile anche per i vegetariani) sarà composto da pane carasau e formaggio cremoso, ricotta fresca con miele locale, salumi provenienti da allevamenti locali, diversi tipi di formaggi, carne di maiale e salsiccia arrosto, vino fatto in casa, filuferru (acquavite), dolci e un atmosfera piacevole e divertente di musica e danze tradizionali.

E’importante portare buone scarpe da trekking, uno zaino con almeno 1 litro di acqua e pantaloni lunghi.

Il livello di difficoltà di questa escursione è di medio. Tempo di percorrenza totale è di circa 4 ore.
 

Immagini e video della Dolina di Tiscali

 


 

 

Share

Share